Rimanere sola in compagnia di me stessa non è sempre piacevole, sono sempre tanto stressata, alla ricerca di spazio per respirare, di tempo per dedicarmi a me stessa.. e invece poi mi ritrovo sempre a fare le solite cose, per di più tossiche per me. Mangiare schifezze, fissare il vuoto in cerca della voglia di fare qualcosa, guardare la televisione, guardare il pc..                                       Poi non appena finisce il mio tempo libero mi vorrei prendere a schiaffi perché finalmente mi vengono in mente tutte le cose che avrei potuto fare.                                                                               Ho appiccicato un po’ ovunque liste di cose da fare, ma sembra che, quando arrivi il mio tempo libero, cada su di me un sortilegio che mi impedisca anche di ricordarmi che ho una lista.           Dicono che l’ozio faccia bene, ma anche l’ozio che rappresenta l’assenza di qualsivoglia impegno, ha invece delle regole per essere goduto a pieno, altrimenti non si spiegherebbe perché riesco ad essere più stanca di prima dopo ore di nullafacenza.ozio

Questa è più o meno la mia espressione quando devo tornare alla regolare attività giornaliera.  Il paradosso, non poi così tanto paradossale, è che invece in vacanza quando dovrei riposarmi sembro un’invasata strafatta ad un after in discoteca che di dormire non ne vuole proprio sapere. Il sonno “per carità” come si può sprecare la propria vita a dormire con tutte le cose che ci sono da fare, che se ci si pensa bene, se uno le volesse fare tutte, la vita intera non basterebbe.                                                                                                                                                         Quando invece il tempo per te è già pochissimo ti prende la sindrome del minatore irlandese di fine 800, e pure alzarsi per bere un bicchiere d’acqua diventa uno sforzo disumano.

Perché?

Ovviamente ho cercato le più svariate risposte e soluzioni, ma ancora non ho trovato il filtro dell’eterna energia.                                                                                                                                           Alimentazione sana, yoga, massaggi.. non bastano.                                                                                   Perché l’entusiasmo, la voglia di vivere, la voglia di mettersi in gioco, di fare esperienze nuove, di emozionarsi originano in posti molto più profondi.                                                                             Cammino portando un sacco di pietre sulla schiena, tutti i ricordi a cui mi aggrappo per paura di perdermi, tutte le mancate scelte, tutti i bisogni repressi, tutte le emozioni non vissute.985_me_n_a01_b186_05

Pur sapendo che fatico da morire e che nessuno mi impedirebbe di buttare il sacco per terra e fottermene di qualsivoglia convenzione sociale, io come un cavallo con il paraocchi vado avanti, fino a che cado sul divano per la stanchezza fino all’ora di rialzarmi.                                   Capitano giorni in cui riesco a prendere una qualche iniziativa, gli estremi non sono mai tanto estremi come sembrano, però per la maggior parte del mio tempo vivo tra il sonno e la veglia, senza quel romanticismo che dovrebbe caratterizzare quel luogo in cui nasce l’immaginazione, ma anzi con un vuoto totale di fantasia.                                                                                                       Come si ritrova la spensieratezza, la leggerezza?                                                                                       A qualcuno di voi è mai capitato di guardarsi allo specchio e ritrovarsi così incupito e cinico da non riuscire più a riconoscersi?specchio

Dicono che avere consapevolezza del problema sia il primo passo per risolverlo… Ma non dicono che in questa fase ci si può anche rimanere per sempre..                                                           Perché  quando si è piccoli non si è mai stanchi e poi si passa il resto del tempo ad invidiare quello stato, senza poi neanche capirlo?                                                                                                     Per un bambino camminare è davvero una fatica, con quelle gambine piccole e il passo incerto, eppure non vede l’ora di scorazzare libero. Non è lo sforzo fisico che mi immobilizza le gambe, ma quello mentale. E’ il peso di tutte quelle delusioni che combatto ogni giorno, ma per la maggior parte hanno la meglio.                                                                                                                 E’ l’aver permesso alla mia fantasia smisurata, alle mie emozioni incontrollate di arrendersi davanti al mio perenne rifiuto di ascolto. E’ l’aver permesso a quella voce genitoriale che tanto ho odiato, di convincermi, davvero, di non essere speciale, di non essere all’altezza dei miei sogni, di essere un ingenua che credeva alle favole, di essere un’incosciente che se cade e si fa male le sta bene.  Così pondero ogni azione sulla lunghezza del mio passo e a volte riesco a dubitare anche di quello. Le mie gambe per la tensione si stancano senza alcun movimento. La fantasia può portare dovunque, eppure tanti adulti la ridicolizzano creando un circolo vizioso di adulti cinici e frustrati.

Io spero di rompere il mio, anche al più presto.

 Ciò che è oggi dimostrato fu un tempo solo immaginato.
(William Blake)

Fantasia mandami una gru!                                                                                                                         Ho aspettato che Peter Pan mi portasse via per oltre 10 anni di notti, a volte ho volato con lui verso l’isola che non c’è, ma sono comunque cresciuta.

Lascia che la polvere di fata cada di nuovo sui miei capelli e mi ricordi quali sono i miei pensieri felici così da poter ricordare come si sogna ad occhi aperti.

Perché solo chi sogna può volare

 

 

Annunci

Sento di essere veramente me stessa solo quando mi spoglio della responsabilità di esserlo

4 Comment on “Ci vorrebbe una gru…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: