L’estate sta lentamente tramontando ed in men che non si dica ci ritroveremo a fare il countdown per Natale.

Il tempo corre frenetico e, sopratutto, quando abbiamo mille cose da fare, vola via senza che a noi ne resti qualcosa di buono.

Quando rincorriamo la scadenza senza avere il tempo di godere ciò che veramente ci piace e ci rende felici.

Mi ha colpito il fatto  che delle mie vacanze estive, il giorno più bello sia stato un giorno apparentemente privo di importanza, nel quale ho solo camminato e camminato, accanto alla persona che amo, senza alcuna aspettativa o desiderio da soddisfare.

Lontana dalle ambizioni, dal bisogno di raggiungere un obiettivo, dal desiderio di dare un significato al mio tempo, sono riuscita a godermi ciò che realmente conta per me e che mi rende felice: mettere i miei pensieri e ragionamenti in modalità silenzioso, passeggiare mentre guardo il mondo con ammirazione, non dover attendere nessuna aspettativa, stare con la persona che amo.

Per questo mentre le mie vacanze finiscono e un nuovo inizio incombe, voglio provare a raccogliere qualche consiglio da quest’esperienza.

Innanzi tutto che non è vero per niente che per essere soddisfatti va fatto “prima il dovere e poi il piacere”, il motivo per cui questa massima ha del simil vero dipende dal fatto che se uno ha il pensiero angosciante di dover fare qualcosa e poi se ne libera si sente meglio. E’ un po’ come la nicotina, ti fa credere di aver bisogno di qualcosa, come se davvero quel bisogno facesse parte di te, quando invece il tuo  bisogno dipende dall’avere la “droga” in circolo. Quando te ne liberi il bisogno vero non si riattiva più, salvo che la nicotina rientri in circolo per via indiretta dal contatto con dei fumatori.

L’unica differenza è che sulle sigarette è obbligatorio scrivere “il fumo uccide” , su tutto quello che ci fa sentire in obbligo di fare qualcosa che non ci piace, e che quindi ci logora a suon di stress e frustrazione ( che poi producono degli ormoni deleteri per la salute come il cortisolo), non c’è scritto nulla, ma anzi viene dai più considerato come l’unico modo per diventare qualcuno nella propria esistenza.

Non basta che Steve Jobs dica “Stay hungry, stay foolish” per convincerci tutti del fatto che dobbiamo avere voglia di raggiungere ciò che ci piace e che il giudizio dei ben pensanti non debba ostacolarci, perché poi la paura di deludere le aspettative ci condiziona profondamente.

Per questo la seconda riflessione che ho fatto è stata: ” ma allora qual è lo scopo della vita?”

E’ una domanda un po’ ambiziosa e la risposta non è una sola.

Ce n’è una però che, pur se appare scontata e semplice, è l’unica che non abbia implicazioni morali o religiose e per questo, forse, più sincera. Lo scopo è VIVERLA!

Per vivere la vita pienamente è necessario essere sé stessi e sfruttare tutte le potenzialità nascoste della nostra unicità.

Immaginate che riceviate un bellissimo regalo di Natale, magari un cellulare di ultima generazione, ma che vi sia regalato senza istruzioni e immaginate anche che non sia possibile reperirle su internet. Sicuramente avrà delle cose che vi piacciono molto. Altre molto  meno perché non le capite. Potrà non funzionare come vorrete. Potrebbe avere dei problemi.

Davanti a questo nuovo regalo abbiamo tantissime scelte. Ad esempio comportarci da viziati e trattarlo senza cura e magari romperlo e buttarlo via. Possiamo comportarci da paurosi e tenerlo sempre protetto, non usarlo mai oltre quelle poche azioni sicure e non scoprirne mai le potenzialità. E sono sicura si possano immaginare tanti altri epiloghi.

Quello però che io vorrei immaginare è il migliore possibile. Ovvero che non solo viviamo questo regalo con grandissima gioia, ma anche che con pazienza, cura e un po’ d’audacia cerchiamo di scoprire tutti i possibili funzionamenti di questo. Perché come tutte le cose del mondo questo regalo avrà una fine, e sarebbe un peccato se, prima che si rompa, non avessimo scoperto tutte le sue funzioni e quindi non le avessimo sfruttate.

Socrate aveva un’idea ben precisa dell’insegnamento. Non si doveva buttare dentro gli allievi i concetti, ma tirarli fuori dagli allievi.

Dentro di noi ci sono già le nostre inclinazioni, le nostre capacità, le nostre potenzialità.

Io credo che questo potrebbe essere il modo per vivere appieno la vita: godersi fino all’ultimo granello quello che possiamo regalare a noi stessi.

Mi sono ritrovata spesso indifferente davanti a dei risultati raggiunti, per quanto invece il loro fallimento avrebbe implicato  una rabbia enorme nei confronti di me stessa.

Perché mi sono ritrovata, e a tutti capita, indifferente davanti a dei risultati tanto sudati?

Perché noi non viviamo per essere belli o brutti, cattivi o buoni, intelligenti o stupidi, campioni o perdigiorno.

Noi viviamo per scoprire e fare esperienza di ciò che siamo, di ciò che ci rende felici, per riconoscere la nostra unicità nell’universo fra un’infinità di esseri viventi.

Il perché del perché implica una risposta troppo complicata che alcuni trovano in Dio, io non sono certa della risposta.  Ma penso che la risposta al perché noi viviamo per scoprire chi siamo, la troveremo una volta che avremo risposto alla prima domanda..

 

E così comincia Settembre e questo “nuovo inizio” tutto da scoprire: riempiendo la mia vita di tutte quelle cose che mi piacciono senza che sia necessario alcun sacrificio, e sforzandomi, invece, di mettermi in ascolto per capire cosa sia il meglio per me.

Perciò, proverò a non ascoltare i giudizi degli “altri”, cercherò di non guardare i miei difetti, tenterò di smettere di avere il bisogno di riconoscimento, mi impegnerò per evitare di pensare che possano esserci delle persone migliori e altre peggiori.

Per esprimere il meglio di noi stessi serve solo un po’ di PRATICA.

Allora, mettiamoci all’opera!

 

Annunci

Sento di essere veramente me stessa solo quando mi spoglio della responsabilità di esserlo

3 Comment on “Settembre e i nuovi inizi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: