Abbiamo il terrore di desiderare in grande per paura di sentirci avidi, peccatori, superbi.

Vorremmo avere una casa più grande, uno yacht, fare una vacanza alle Maldive, disporre di una carta di credito illimitata o magari più semplicemente desideriamo l’amore, un amico.

fashion-heels-high-heels-neon-Favim.com-2193816.jpg

Potremmo desiderare qualunque cosa, ma non abbiamo il coraggio di volerla veramente, come se fosse sbagliato, come se non fossimo all’altezza di quel desiderio, come se solo accontentandosi si godesse. Ma come dice Ligabue, in realtà, chi si accontenta gode così e così..

Qualcuno ha detto che abbiamo bisogno di pensare che alla fine della vita ci sarà qualcuno che asseconderà i nostri desideri, perché il complesso di inferiorità che incombe sulla maggior parte degli esseri umani ci obbliga a proiettare su un essere diverso da noi il compito di realizzarli. Così non ci rendiamo conto di essere perfettamente in grado di realizzare i nostri desideri.

Il potere trema dinnanzi agli uomini pensanti che sanno cosa desiderano..

Basti pensare a cosa succederebbe se gli schiavi credessero di poter davvero essere liberi, il popolo di poter comandare, le persone di poter avere una vita piena di cose belle.

Chi accetterebbe mai l’idea che in un giardino pieno di frutti gustosissimi avessero il permesso solo in pochi di mangiarli?

I frutti del giardino sarebbero sufficienti per rendere felici tutti, eppure i più godono di pochissimi frutti o addirittura nulla, mentre i frutti sugli alberi continuano a marcire perché quei pochi sono già sazi.

Controllate il vostro desiderio e il desiderio non controllerà voi.

La maggior parte delle persone non ha il coraggio di desiderare una vacanza, ma poi cede davanti a delle allettanti pubblicità di un set di padelle in pietra, o dell’ultimo modello di cellulare, decidendo che quel desiderio sia una una necessità effettiva.

Tutto è necessario e nulla è necessario.

Con questo non voglio dire che tutto è indifferente, ci sono cose che fanno bene e altre che fanno male, ma di base fa molto più male reprimere un desiderio senza neanche saperne il motivo piuttosto che invece assecondarlo.

Reprimere vuol dire limitare, più limitiamo la nostra visuale e meno saranno le possibilità che vedremo nella vita, divenendo sempre più controllabili dalle nostre convinzioni e con meno potere sulla nostra innata capacità di cambiare e crescere.

Desiderare vuol dire abbattere quei limiti, immaginare, dare sfogo alla fantasia, alla capacità di provare soddisfazione e piacere.

Desiderare vuol dire sentirsi all’altezza di prendere qualunque cosa che la vita possa offrire.

Per questo ogni notte è bello addormentarsi con un desiderio da covare nel mondo dei sogni, così da potersi svegliare al mattino con un buon motivo per alzarsi dal letto ed attirare le infinite opportunità che la vita ha da offrire ad ognuno di noi.

Sogna in grande, perché

l’impossibile è solo un punto di vista.

Annunci

Sento di essere veramente me stessa solo quando mi spoglio della responsabilità di esserlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: